Journal Posts

Tag: tornviken

La Storia Finora
Perduti nelle viscere labirintiche della terra, il gruppo si ritrova smembrato: Gogrash, Franz e Yug finiscono in una sacca che li divora, da cui solo Gogrash, armato di pura rabbia, riesce ad uscire incolume portando con sé un disattivato Franz; del povero Yug the Dip non rimane alcuna traccia. Riunitisi con Tornviken, il trio si ritrova ad affrontare un demoniaco vrok, che viene brutalmente fatto a pezzi dalla furia del barbaro (a nulla valsero le palle di fuoco del nano stregone, ahimé). Più in profondità trovarono un gigantesco rettile serpentino che rispondeva al nome di An'ha-lisah, che li mise in guardia da un futuro tradimenti e gli suggerì di cercare un passaggio segreto per uscire dal labirinto. Mentre Gogrash riposava, gli altri due trovarono una parete illusoria, da cui si estendeva un interminabile corridoio tenebroso: dopo averlo seguito per quella che sembrava un'eternità, i due si ritrovarono nello stesso esatto luogo in cui erano precipitati inizialmente nelle rovine, e furono poco dopo raggiunti da un riposato Gogrash, un riattivato Franz ed una ritrovata Sakastai. Più confusi che altro, decidono di dirigersi verso le Lande Demoniache per salvare la fanciulla iolth.
Nel dirigersi verso casa, incontrano un misterioso orco druido a guardia di una misteriosa sfera, col potere di indicare quanti anni di vita rimanessero a chi la utilizzasse: per un crudele gioco convincono il nano a farne uso, e con suo sommo orrore scopre che gli restano meno di 10 anni da vivere. Congedatisi dall'orco, il gruppo torna ad Alderaan, dove (dopo aver recuperato il pizzo) gli viene offerto un ulteriore ingaggio di catturare varie bestie per uno spettacolo. Combattuti tra il seguire il compito originale e questa nuova offerta, decidono di dividere i membri dell'agenzia per eseguire entrambi.
Viewable by: Public
0 comments
Ritorno ad Alderaan
Mentre Tornviken, Gogrash e Jhou combattevano contro gli hobgoblin, i due membri rimanenti si risvegliano nei sotterranei della Mangusta ed immediatamente sono attaccati da una cockatrice; la fiera viene prontamente fatta in mille pezzi da un misterioso gnomo che, una volta ricongiuntisi col resto del gruppo, si presenta come Michele Foresta, in missione "per conto di Dio", e che gli uomini nella Mangusta erano stati "sacrificati" per trovare la pietra misteriosa.
Tornati ad Alderaan, il gruppo si separa: chi si riposa, chi va in giro ad indagare sulla misteriosa pietra, e chi infine invia un messaggio alla base per informare della situazione. La risposta giunge prontamente, dando al gruppo la conferma per stabilire una propria base personale "a patto scegliere un nome migliore".
Nel mentre, Franz incontra la figlia di una scostumata mercante che gli chiede di unirsi a loro, richiesta che il robot non riesce a rifiutare del tutto; inoltre riceve delucidazioni sulla pietra, e scopre che Michele era sulle tracce di questi misteriosi oggetti.
Riunitosi il gruppo, Michele si offre di unirsi e mostra loro delle cicatrici sul braccio, e a poco servono i tentativi degli altri di cavargli qualche informazione extra; sebbene dubbiosi, accettano di portarlo con sé, almeno finché non gli darà una scusa per cacciarlo a calci. Dopo una bevuta tutti tornano nelle loro stanze per dormire.
Viewable by: Public
0 comments
Epic!
Ti gusta la Mangusta?
Scesi nei sotterranei della Mangusta D'Oro, il gruppo si trova ad indagare sulle tracce lasciate sui cadaveri rinvenuti là sotto: la misteriosa runa che avevano su di loro viene ritrovata altre volte, sui muri delle rovine e su di un cerchio di evocazione che aveva portato nel nostro mondo una mostruosità dalle innumerevoli bocche.
In una stanza protetta da tre Ombre il gruppo ritrova anche una missiva accartocciata, e la pietra posseduta da Franz riluce guidando il gruppo verso il nascondiglio di un oggetto simile, con sopra incisa un'ala.
In un'altra stanza, una goffa manovra di Gogrash causa un incendio, che porta Tornviken a gettarsi in una fontana per spegnere le fiamme e ad ingerire accidentalmente dell'acqua.
Finita l'esplorazione dei sotterranei (e dopo uno scontro con delle feroci cockatrici) il gruppo decide quindi di aver visto abbastanza, e si dirige verso l'uscita; un dolore atroce attanaglia le viscere di Tornviken, ma la tempestiva reazione di Gogrash con una Pozione di Cura impedisce il peggio.
Una volta usciti il gruppo viene assalito da tre hobgoblin intenti a spruzzare acido su ciò che rimaneva della Mangusta, che vengono eliminati con non poche difficoltà.
Viewable by: Public
0 comments